La mia intervista ad Angelo Bottiroli, direttore di Oggi Cronaca.

Giornalismo Sociale, Le mie Interviste

Ciao Angelo. Innanzitutto ti ringrazio della tua gentile disponibilità in questo momento così complicato. La tua carriera di giornalista è molto lunga ma io mi soffermerei su questo periodo di emergenza Coronavirus. Sei direttore responsabile di Oggi Cronaca, come sta andando nelle tue zone?

In Provincia di Alessandria ed esattamente a Tortona è stato creato il primo ospedale del Piemonte interamente dedicato al Covid-19 e uno dei primi in Italia. L’ospedale tra posti in rianimazione, terapia intensiva e sub intensiva è in grado di ospitare 104 persone ed è sempre pieno. Verrà probabilmente ampliato per il massimo della capienza, ovvero 126 posti. Che l’ospedale di Tortona sia importante è dimostrato anche da un bel servizio giornalistico andato in onda su Sky, che tutti possono vedere al link: https://video.sky.it/news/cronaca/coronavirus-sky-tg24-nella-terapia-intensiva-di-tortona/v583813.vid?fbclid.

Com’è distribuito il numero dei contagi?

Metà dei ricoverati sono della Provincia di Alessandria, gli altri provenienti dal resto del Piemonte. La provincia di Alessandria è la seconda della regione con più infetti: oltre 1200 persone (1226 ad oggi) e 141 morti. Due giovani volontari hanno avviato una raccolta fondi per l’Ospedale di Tortona e con il sindaco è stato istituito un comitato a favore dell’ospedale (responsabile il sindaco Federico Chiodi) che, in tre giorni, ha raccolto due milioni di euro per acquistare materiale e Dispositivi di Protezione per i sanitari dell’ospedale.

Un bellissimo risultato quello del sindaco Federico Chiodi. Gli altri sindaci della zona come stanno gestendo la crisi?

Diversi sindaci dei maggiori comuni (Tortona, Casale Monferrato ed Acqui terme ad esempio) hanno scelto di informare quasi giornalmente la popolazione. Sicuramente il mezzo più utilizzato è Internet. Oggi oltre 20mila persone al giorno leggono il nostro giornale per tenersi informati. Il sindaco, in questo caso, di Tortona ogni sera lancia degli appelli a rimanere in casa ma ci sono sempre tanti che non ascoltano. Tortona, fra le altre cose, è la città di don Orione il santo e c’è una folta comunità religiosa. Un’epidemia ha già infettato 24 suore, 6 sono già morte, oltre ad un sacerdote. Anche molti medici di base sono risultati positivi e uno è già deceduto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *