Non si tratta con i terroristi

Giornalismo Sociale

Essere vivi e liberi è un sacrosanto diritto, ma a quali condizioni Silvia Romano si è salvata ed è stata liberata? Il portavoce del gruppo terroristico Al Shabaab, Ali Dehere, ha rilasciato un’intervista affermando che una parte del riscatto andrà a finanziare la Jihad. Avete sentito bene. I soldi italiani saranno usati per comprare armi ed arruolare così nuovi jihadisti, quelle persone responsabili di attentati in tutto il mondo in nome di Allah. “La cooperante si è convertita per sua volontà perché ha conosciuto un mondo migliore rispetto a quello che conosceva in precedenza”. Queste le parole del portavoce islamico.

Lo Stato italiano, quindi, ha pagato per liberare un’italiana convertita all’Islam che non ha avuto nemmeno la decenza di cambiarsi d’abito quando è scesa dall’aereo. Lo Stato italiano ha trattato con il terrorismo. Ne più ne meno. E questo è un abominio vero e proprio. Un’indecenza. È stata aperta un’inchiesta e speriamo che venga fuori tutta la verità di questa bruttissima operazione di Stato perché, diciamoci la verità, Silvia Romano pur convertita, non l’avrebbero mai rilasciata senza il pagamento del riscatto.