Fuori Svanberg, il Bologna crolla

Bologna FC, Sport

Una partita decisamente a due facce quella che si è vista ieri al Dall’Ara contro l’Udinese di Luca Gotti. Il primo tempo equilibrato fra le parti finisce con il Bologna in vantaggio 2 a 1 con le reti di Tomiyasu e Mattia Svanberg. Ed è proprio lui, Svanberg, il protagonista indiscusso di questo match nel bene e nel male. Dopo un primo tempo contrassegnato da un’ incredibile prestazione, la sua espulsione lascia, e si vede nettamente sul campo, un vuoto incolmabile. Non solo la squadra rimane in dieci ma decisamente crolla e si perdono gli equilibri di gioco. A nulla vale l’intento di Sinisa Mihajlovic di lasciare una formazione ancora offensiva. Il Bologna si barrica dietro a difendere la tre quarti di fronte, anche, ad una Udinese decisamente più aggressiva e dominante. L’entrata in campo di Hickey, Vignato e Poli rimette un po’ in ordine la squadra che tenta qualche azione in avanti ma ha la meglio la fisicità e la qualità della squadra bianconera di Udine. Peccato perché,fino a due minuti dalla fine, il Bologna riesce a difendere il suo vantaggio con grande forza di carattere ed anche qualche destrezza di Da Costa. Un pareggio, comunque che, e a questo punto si può dire, ci sta tutto. Cinque pareggi consecutivi del Bologna non si erano mai visti, noi che siamo la squadra che, per eccellenza, o vinciamo o perdiamo. Come dice però anche Sinisa Mihajlovic nel post partita, meglio un pareggio che una sconfitta.